mercoledì , 30 Novembre 2022
Home Curiosità Metodo giapponese per risparmiare: il trucco per arrivare a fine mese
Curiosità

Metodo giapponese per risparmiare: il trucco per arrivare a fine mese

Ecco come risparmiare e arrivare a fine mese utilizzando il famoso metodo giapponese

Metodo giapponese per risparmiare

Arrivare a fine mese è molto complicato per tante persone e famiglie. Soprattutto con l’aumento dei prezzi e delle bollette, è difficile fare in modo che lo stipendio basti. Esiste però un metodo giapponese molto accreditato, chiamato kakebo, che promette di far mettere da parte una cifra dello stipendio arrivando senza troppe difficoltà.

Metodo giapponese per risparmiare: come metterlo in pratica

Il metodo del Giappone per arrivare a fine mese e risparmiare è stato ideato nel 1904 da Hani Motoko, che ancora oggi è nota per essere considerata la prima giornalista del suo Paese. Secondo il metodo, è necessario essere in possesso di un quaderno esclusivamente dedicato a questo metodo.

In questo quaderno bisognerà anche mettere le ricevute di tutti i pagamenti oppure scriverli di volta in volta. Per prima cosa ci sarà bisogno di scrivere gli introiti mensili e poi annotare tutte le spese fisse, quindi il mutuo, le bollette e gli abbonamenti.

Kakebo per risparmiare: come sfruttarlo al meglio

Metodo giapponese per risparmiare

Le spese andranno suddivise in quattro categorie distinte: sopravvivenza, cultura, opzionali ed extra, ciascuna contraddistinta da un colore. Alla fine di ogni mese bisognerà fare il conto delle spese e dei guadagni.

A questo punto si entra nel vivo del metodo giapponese per risparmiare ovvero kakebo. Sul quaderno bisogna infatti appuntare una serie di domande da porsi ogni volta prima di fare una spesa che non sia di sopravvivenza.

Sarà necessario chiedersi se l’acquisto sia o meno compatibile con la propria situazione finanziaria e se serva realmente. Poi, se si tratta di un oggetto, toccherà chiedersi se c’è spazio e qual è il proprio stato emotivo, sull’onda del quale si sta facendo questo acquisto.

Infine, ci si domanderà come ci si sentirà dopo. Se la risposta a tutte le domande sarà positiva e ragionevole allora si potrà procedere a fare compere, altrimenti no.

A fine mese, inoltre, bisognerà domandarsi quanti soldi sono stati risparmiati e cosa si potrà migliorare per il prossimo mese. In questo modo ci si sentirà spronati a risparmiare sempre di più.

Related Articles

Ciotola di riso in bagno: la soluzione ad un problema molto comune

Il riso è presente nelle case di tutti perché è un ingrediente...

Principessa Diana, il suo fantasma nella camera della principessa Charlotte a Windsor

La Principessa Diana continua a vegliare sulla propria famiglia a distanza di...

Foglie di alloro sul termosifone: ecco perché vanno sempre messe, si risparmia e non solo!

In tutte le case, quasi sempre non possono mancare i deodoranti per...

Ecco cosa succede se non ci strucchiamo prima di andare a dormire

Vi siete mai chiesti cosa accade quando non ci strucchiamo prima di...