lunedì , 5 Dicembre 2022
Home Emozioni “Nonna ti manca tanto il nonno?” “Che domanda sciocca tesoro, certo che mi manca.” Da leggere tutta d’un fiato
Emozioni

“Nonna ti manca tanto il nonno?” “Che domanda sciocca tesoro, certo che mi manca.” Da leggere tutta d’un fiato

Nonna ti manca tanto nonno?” “Che domanda sciocca tesoro, certo che mi manca.”{BELLISSIMA,}Da leggere tutta d’un fiato

La riflessione emozionante di oggi parte da una domanda: nonna ti manca tanto il nonno? Ogni giorno avvertiamo la mancanza di moltissime persone. Persone che non ci sono più. La tristezza ci assale, così come i pensieri, il desiderio di poterli rivedere.

Una nipote decide di fare una domanda alla nonna. Le mancava il nonno? Le mancava la sua presenza, i fiori, le risate, le litigate? L’assenza di una persona può farci del male, molto di più di quanto immaginiamo.

Siamo fatti in questo modo: non possiamo fare a meno di chi amiamo, mai. In nessun caso. Questo è quanto ci differenzia come esseri umani sentimentali. Le emozioni si stringono come un nodo alla gola: da leggere.

La mancanza

“Nonna, ti manca tanto nonno?”

“Che domanda sciocca tesoro, certo che mi manca.”

“Cosa ti manca di più di lui?”

“I baci, la sua risata, le litigate.”

“Le litigate?”

“Sì, sopratutto le litigate.”

“E perché?”

“Perché vedi tesoro, quando ti manca una persona, ti mancano i suoi pregi e i suoi difetti. Tuo nonno mi manca, nel vero senso della parola. Mancare. Non si poteva utilizzare un termine più adatto.”

“Spiegati meglio.”

“Hai presente la sensazione che provi quando perdi un autobus? Quando arrivi troppo tardi ad un appuntamento? O quando devi buttare il tuo vestito preferito? Quando litighi con una persona speciale?”

“Si.”

“Ecco, unisci questi sentimenti.”

“Tu provi questo?”

“Ogni giorno.”

“E come fai a sopravvivere, con questo vuoto dentro?”

“E’ facile, basta pensare che lui sia qui con me.”

“In che senso?”

Nonna ti manca tanto il nonno?

“Ad esempio, quando la casa è troppo silenziosa, mi immagino la risata di tuo nonno che rimbomba per le stanze. Mi siedo sul divano, osservo la poltrona dove si sedeva, e cerco di immaginarlo mentre guarda la televisione, o mentre ascolta la sua canzone preferita: ‘Volare’.

Dovevi vederlo. Appena metteva su il disco, si alzava di scatto e si inginocchiava di fronte a me. ‘Vieni a volare con me?’ e i suoi occhi si illuminavano di gioia. Mi posava delicatamente la mano sui fianchi, avvicinava la sua bocca al mio orecchio e mi sussurrava: ‘sei la mia canzone preferita.’

Lo amavo, sempre. Anche quando mi urlava che voleva andare via da questa casa, anche quando mi faceva piangere. Il suo profumo  mischiato al gelsomino; il suo carattere dolce e scorbutico; i suoi occhi marroncino che ti ricordavano l’autunno; non c’e’ una cosa che non mi manchi.”

Anche a me manca molto.”

“Fai come me “

“Non ne sono capace.”

“Ma tesoro, è così semplice! Basta chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare; chiudi gli occhi.”

“Fatto.”

“Ora pensa a qualche suo ricordo bello.”

“Sì.”

“Apri gli occhi.”

“Lo vedi?”

“Lo vedo, ti sta tenendo la mano.”

Related Articles

A te che ti senti abbandonato e disperato, leggi, Dio non ti abbandona mai

A te che ti senti abbandonato e disperato vogliamo dedicare questa bellissima...

E’ vero amore se tra te e il tuo compagno ci sono questi comportamenti. Scopri quali

Se nella coppia si hanno questi comportamenti allora potrebbe essere vero amore. L’amore...

Teresita Castillo, una bimba malata di cancro diventa la Santa protettrice dei bambini in missione

Teresita Castillo De Diego, la Santa protettrice dei bambini. Non tutti forse...