mercoledì , 30 Novembre 2022
Home Economia Reddito di cittadinanza, cosa cambia dal 1° gennaio 2023: ipotesi limite d’età
Economia

Reddito di cittadinanza, cosa cambia dal 1° gennaio 2023: ipotesi limite d’età

reddito di cittadinanza, ecco cosa potrebbe cambiare a partire dal 1 gennaio 2023?

reddito di cittadinanza -min

Reddito di cittadinanza, ecco cosa cambia dal 1° gennaio 2023. Il sussidio potrebbe essere modificato a breve e potrebbero esserci tante novità. Adesso Fratelli d’Italia e la Lega sono al lavoro per cercare di capire come intervenire. Ma come sarà il reddito di cittadinanza a partire dal 1° gennaio 2023?

Al momento non c’è nessuna certezza, ma soltanto ipotesi. Una cosa è certa, ovvero che il Governo Meloni non ha intenzione di cancellare di netto il sussidio, ma ci saranno delle novità.

Il Governo vuole quindi mantenere il reddito di cittadinanza ma soltanto per alcuni soggetti, ovvero quelli che si trovano nelle condizioni di poter lavorare, invalidi e chi non ha reddito.

Reddito di cittadinanza, ecco cosa cambia dal 1° gennaio 2023

reddito di cittadinanza -min

La misura economica sarà concessa anche a chi ha figli minori di cui farsi carico, modificando però la misura per chi può comunque lavorare.

“Chi ha tra i 18 e i 59 anni, senza minori a carico, ed è in grado di lavorare perderà l’assegno legato al reddito di cittadinanza, anche se non immediatamente. Lo manterranno, invece, gli invalidi, chi è in difficoltà, chi ha minori a carico senza avere adeguati mezzi di sostentamento”.

Questo quanto dichiarato dal Sottosegretario alla Presidente del Consiglio Giovambattista Fazzolari nel corso del suo intervento a Porta a Porta.

“Ovviamente non sarà fatto immediatamente. Prima della riforma della Naspi l’assegno di disoccupazione era di 6 mesi, questo può essere un tempo congruo“.

A partire dal 2023 grazie alla nuova Manovra, le persone tre i 18 e i 59 anni occupabili ma che non riescono a trovare lavoro, potranno percepire il reddito di cittadinanza per otto mensilità.

Questo ancora quanto aggiunto da Fazzolari nel corso del suo intervento. Lo stesso ha comunque aggiunto che chi non può lavorare di certo non può e non deve essere trattato come chi può farlo.

Chi ha abilità al lavoro deve essere incentivato nel farlo. Per questo motivo, il governo Meloni ha intenzione di ridurre la platea dei percettori del reddito di cittadinanza.

Related Articles

Bonus 400 euro in arrivo nello stipendio di milioni di lavoratori: chi li riceverà e quando?

Bonus 400 euro in arrivo nello stipendio, grazie alla nuova Legge di...

Pagamento bonus 150 euro novembre 2022 e febbraio 2023: ecco il calendario Inps

Milioni di italiani di chiedono quando arrivi il famoso e tanto atteso...

Pagamento con bancomat: ecco cosa cambia da gennaio 2023, stop multe e altre novità

Pagamento con bancomat, cosa cambia da gennaio per il Pos. Tante le...

Bonus Maroni, il grande ritorno: ecco tutti gli aumenti, quanto spetta e quando

Bonus Maroni, ritorna ma per chi? Ecco tutti gli aumenti in busta...