sabato , 10 Dicembre 2022
Home Emozioni Una Storia Che Ti Farà Fermare Un Attimo E Riflettere Sul…
Emozioni

Una Storia Che Ti Farà Fermare Un Attimo E Riflettere Sul…

una-storia

Oggi vogliamo condividere con voi una storia, del pescatore del Sud Italia e del Turista di Milano. Ci siamo soffermati più volte a leggerla.

Una riflessione che ci fa capire l’importanza del lavoro, ma anche la visione di insieme. Non tutti, infatti, vedono le cose allo stesso modo.

Vi invitiamo a leggerla e a condividerla, a capirne il significato e a trarne insegnamento. Ecco di seguito l’inizio.

Sul molo di un piccolo porto del Sud Italia un turista di Milano si ferma vicino ad un pescatore e gli domanda: “Quanto tempo hai impiegato per pescare tutto quel pesce?”

Il pescatore risponde: “Non ho impiegato molto tempo“.

E il turista: “Ma allora, perché non è stato più tempo a pesca, per pescare più pesce?“

Il buon uomo gli spiega che quella esigua quantità è esattamente ciò di cui ha bisogno per soddisfare le sue esigenze, quelle della sua famiglia e per mantenere la sua modesta attività.

Il turista allora chiede: “Ma come impiega il resto del suo tempo?“

E il pescatore risponde: “Dormo fino a tardi, pesco un po’, gioco con i miei bimbi e al pomeriggio passo un po’ di tempo con mia moglie. La sera vado al villaggio, ritrovo gli amici, beviamo insieme qualcosa, suono la chitarra, canto qualche canzone, e via così. Trascorro delle belle giornate e godo le belle cose della mia vita.“

Una storia

Allorché il turista aggiunge: “Mi perdoni se la interrompo. Sono laureato alla Bocconi e se mi permette vorrei darle utili suggerimenti su come migliorare la sua attività. Prima di tutto dovrebbe pescare più a lungo, ogni giorno di più.

Così, logicamente pescherebbe di più. Il pesce in più lo potrebbe vendere e comprarsi una barca più grossa. Con una barca più grossa pescherebbe poi più pesce; avrebbe quindi più soldi e arriverebbe a gestire più barche…

Potrà permettersi un’intera flotta! In seguito, invece di vendere il pesce solo ai suoi concittadini, potrà negoziare direttamente con le industrie della lavorazione del pesce.

In un futuro a medio termine potrà aprire una sua industria di lavorazione del pesce. Potrà magari lasciare il suo piccolo villaggio e trasferirsi in una città del Nord, come Genova o Venezia, addirittura Milano! Da lì potrà dirigere un’enorme impresa!“

Il pescatore lo interrompe: “Per raggiungere questi obiettivi quanto tempo mi ci vorrebbe?“

Il milanese laureato risponde: “20 o 25 anni forse.“

Quindi il pescatore chiede: “… E dopo?“

Il ragazzo: “Ah dopo… Viene il bello! Quando i suoi affari avranno raggiunto volumi grandiosi, potrà vendere le azioni e guadagnare milioni!“

E il pescatore: “Milioni?! E poi?“

Turista: “Poi finalmente potrà ritirarsi dagli affari e andare in un piccolo e tranquillo villaggio vicino alla costa, dormire fino a tardi, giocare con i suoi nipoti, pescare un po’ di pesce, passare il tempo con sua moglie, passare le serate con gli amici bevendo qualcosa, suonando la chitarra e trascorrere appieno la vita”

Una storia da leggere.

Related Articles

A te che ti senti abbandonato e disperato, leggi, Dio non ti abbandona mai

A te che ti senti abbandonato e disperato vogliamo dedicare questa bellissima...

E’ vero amore se tra te e il tuo compagno ci sono questi comportamenti. Scopri quali

Se nella coppia si hanno questi comportamenti allora potrebbe essere vero amore. L’amore...

Teresita Castillo, una bimba malata di cancro diventa la Santa protettrice dei bambini in missione

Teresita Castillo De Diego, la Santa protettrice dei bambini. Non tutti forse...