domenica , 4 Dicembre 2022
Home News Vaccino Covid ad anziani, sul web si scatena la rabbia: “Dosi sprecate”
News

Vaccino Covid ad anziani, sul web si scatena la rabbia: “Dosi sprecate”

vaccino-covid-ad-anziani

Vaccino Covid ad anziani. Le prime dosi di vaccino anticovid in Italia sono riservate al personale sanitario e alle persone più fragili soprattutto quelle che abitano nelle residenze per anziani. Una scelta comprensibile, visto che sono loro le persone più a rischio per questo maledetto virus. E invece c’è chi non è d’accordo e lo sta dichiarando apertamente sul web.

Sono tantissime infatti le persone che stanno criticando la somministrazione del vaccino alle persone più anziane, soprattutto quelle ultracentenarie. Qualcuno, alla vista, per esempio, di Basilio Pompei, 103 anni, e Gary Spampanato, 102, ricevere il vaccino, non è stato in silenzio ed ha tuonato sui social.

“Dosi sprecate, giusto per farli vivere qualche giorno in più” – si legge. E ancora: “Prima sarebbero dovuti essere vaccinati i bambini, loro non moriranno di Covid, ma noi moriremo di fame perché senza lavoro. Queste le priorità dell’Italia”.

Vaccino Covid ad anziani, anche tanti commenti positivi

vaccino-covid-ad-anziani

Ma per fortuna c’è anche chi non la pensa così e si è lasciato andare a commenti positivi e di apprezzamento per questo gesto. Di sicuro persone come Basilio e Gary non hanno colpe di fronte a questa epidemia che ha lanciato nel panico la maggior parte della popolazione. Al di là dell’aspetto clinico e sanitario, ora a preoccupare è anche l’imponente crisi economica che il virus si sta portando dietro.

Prosegue intanto la campagna di vaccinazione in tutta Italia. Secondo i dati del portale del governo che informa in tempo reale sul numero delle iniezioni fatte nel nostro Paese, ad ieri sera il totale era arrivato ad oltre 630mila persone. Se si guarda all’andamento della campagna di vaccinazione nelle singole Regioni emergono non poche discrepanze. La Lombardia resta una delle Regioni più indietro nella somministrazione delle dosi di cui dispone: è al 43,1%. Mentre al primo posto troviamo la Campania con l’89,5% delle dosi disponibili iniettate.

Oggi dovrebbero arrivare le prime 47 mila dosi del vaccino Moderna che sarà destinato agli ultraottantenni.

Related Articles

Multe in aumento, guai per gli automobilisti: cosa cambia da gennaio 2023

Multe in aumento, cosa cambierà a partire dal 1° gennaio 2023? Questa...

Cartelle esattoriali, nuova rottamazione in arrivo: ecco tutto ciò che bisogna sapere

Cartelle esattoriali, in arrivo una nuova rottamazione ma cosa dobbiamo sapere? Eccoci...

WhatsApp addio: su questi cellulari non funzionerà più

WhatsApp nei prossimi mesi potrebbe giungere al capolinea per diverse marche e...

Torna l’ora solare: quali conseguenze avrà sulle bollette

Torna l’ora solare, ecco cosa potrebbe cambiare per le nostre bollette. Nella...