domenica , 4 Dicembre 2022
Home Miracoli e Testimonianze Storia sul Rosario da non dimenticare: vi offro un bocciolo di rosa
Miracoli e Testimonianze

Storia sul Rosario da non dimenticare: vi offro un bocciolo di rosa

storia-sul-rosario

Una storia sul Santo Rosario che ha lo scopo di farci riflettere. Che cosa siamo noi su questa terra? Siamo figli di Dio, devoti al suo operato, lo ricerchiamo nelle parole e nel fatti. Il Rosario è una fonte con cui comunicare con lui. Mediante il Rosario, ci sentiremo sempre vicini al cuore di Dio.

Lo ricerchiamo in ogni nostra parola, lo veneriamo e ne siamo devoti.Leggiamo questa storia e apriamo il nostro cuore a Cristo. Lui ci ascolterà e intercederà per noi.

Due sorelline stavano sull’uscio di casa a recitare devotamente il rosario, quando apparve una bella Signora che avvicinatasi alla più piccola, di circa sette anni, la prese per mano e la condusse con sé.

La sorella maggiore, meravigliata, ne va alla ricerca, non la trova e rientra piangente in casa per avvertire che hanno rapito la sorella.

Storia sul Rosario

storia-sul-rosario

Il papà e la mamma la cercano inutilmente per tre giorni, fin che alla sera del terzo giorno la trovano sulla soglia di casa. Era lieta in volto e festosa.

Le chiedono da dove venga ed ella risponde che la Signora, alla quale diceva il suo Rosario, l’aveva condotta in un bel luogo, le aveva dato cose buone da mangiare e le aveva deposto sulle braccia un grazioso bambino, al quale lei aveva dato tanti baci.

I genitori, da poco convertiti alla fede, chiamano il padre gesuita che li aveva istruiti nella fede e nella devozione al Rosario e gli raccontano l’accaduto. Da lui stesso abbiamo appreso questo fatto avvenuto nel Paraguay.

Bambini, imitate le due sorelline; come loro recitate ogni giorno il Rosario e meriterete di andare in paradiso, di vedere Gesù e Maria, se non proprio in questa vita, certo dopo la morte per tutta l’eternità. Così sia.

Che i sapienti e gli ignoranti, i giusti e i peccatori, i grandi e i piccoli lodino, dunque, e salutino giorno e notte Gesù e Maria col santo Rosario.

“Salutate Maria che ha faticato molto per voi” (Cf Rm 16,6)

San Luigi M. Grignon de Monfort, da Il Segreto Meraviglioso del Santo Rosario 

Related Articles

Veggente di Akita: dopo 49 anni una nuova rivelazione. Ecco di cosa si tratta

Veggente di Akita. Sono passati 49 anni da quando suor Agnes Katsuko...

Il miracolo eucaristico dell’Ostia che vola: chi era Imelda Lambertini

Il miracolo eucaristico dell’Ostia che vola. Sono stati gli angeli a portare...

Pio da Pietrelcina appare in Irlanda ad un’anziana di 92 anni

Pio da Pietrelcina appare in Irlanda ad un’anziana signora di 92 anni....