lunedì , 5 Dicembre 2022
Home Curiosità E’ importante conoscere e ricordare il vero motivo per cui si ”festeggia” l’8 marzo
Curiosità

E’ importante conoscere e ricordare il vero motivo per cui si ”festeggia” l’8 marzo

E’ importante conoscere e ricordare il vero motivo per cui si ”festeggia” l’8 marzo

Quali sono le origini della Festa delle Donne, celebrata l’8 Marzo? Oggi ve ne parliamo, raccontandovi perché si festeggiano le donne.

Tutto comincia quando un gruppo di operaie dell’industria tessile di New York decide di scioperare. Il loro obiettivo era di migliorare le condizioni lavorative.

Sfruttate, tenute fino a tarda notte e con un salario da fame, hanno deciso di fare sentire la loro voce. Purtroppo, però, succede qualcosa di terribile.

Lo sciopero durò vari giorni, ma durante l’8 Marzo i proprietari dell’industria tessile decisero di bloccare le uscite della fabbrica. Le donne erano rinchiuse lì dentro.

Le origini dell’8 Marzo
8 MARZO

Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra cui anche delle italiane, donne che cercavano semplicemente di migliorare la propria qualità del lavoro.

Tra di loro vi erano molte immigrate, tra cui anche delle donne italiane che, come le altre, cercavano di migliorare la loro condizione di vita. L’8 marzo assunse col tempo un’importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli e il punto di partenza per il riscatto della propria dignità.

È solo dal 1977 che la Festa della Donna è riconosciuta ufficialmente dalle Nazioni Unite. Ma la sua storia risale a molti anni fa, nella metà 800, quando nelle fabbriche lavoravano anche molte donne sottopagate e sfruttate. Fu l’8 marzo del 1857 che, per la prima volta, alcune operaie di New York protestarono per migliorare le loro condizioni di lavoro.

Venne indetto uno sciopero contro le paghe misere e le pessime condizioni in cui erano costrette a lavorare. Il risultato di questa prima manifestazione, fu un attacco da parte della polizia.

Due anni dopo, sempre in marzo, le stesse operaie si riunirono in sindacato per tentare di migliorare le loro condizioni lavorative.

Nel 1911, in Austria, Danimarca, Germania e Svizzera, si pensò di dedicare una giornata alle donne, con l’intento di ottenere il diritto la voto e la fine della discriminazione sessuale sul lavoro. Lo stesso anno, il 25 marzo a New York 140 lavoratrici della ‘Triangle Shirtwaist Company’ – molte di esse italiane ed ebree – morirono in un incendio a causa della mancanza di sicurezza sul lavoro.

Una folla di 100.000 persone partecipò ai funerali. Solo nel dicembre 1977 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione proclamando l’8 marzo come Festa Internazionale della donna.

Anche se, grazie alle conquiste fatte nell’ultimo secolo, è ancora più impressionante pensare alle condizioni di vita delle donne in Afghanistan o in Algeria… ma questa, purtroppo, è un’altra storia.

Related Articles

Ciotola di riso in bagno: la soluzione ad un problema molto comune

Il riso è presente nelle case di tutti perché è un ingrediente...

Metodo giapponese per risparmiare: il trucco per arrivare a fine mese

Arrivare a fine mese è molto complicato per tante persone e famiglie....

Principessa Diana, il suo fantasma nella camera della principessa Charlotte a Windsor

La Principessa Diana continua a vegliare sulla propria famiglia a distanza di...