mercoledì , 30 Novembre 2022
Home Storie di Vita Giro del mondo prima che i figli diventino ciechi: “Vogliamo riempirli di ricordi visivi”
Storie di Vita

Giro del mondo prima che i figli diventino ciechi: “Vogliamo riempirli di ricordi visivi”

Giro del mondo

Giro del mondo. L’amore che un genitore prova per i propri figli è incondizionato tanto da arrivare a compiere dei gesti incredibili. Oggi vogliamo raccontarvi la straordinaria storia di Edith Lemay e Sebastien Pelletier, due genitori canadesi con quattro figli. La loro era una famiglia tranquilla, fino a quando un bel giorno la figlia Mia di tre anni ha iniziato ad avere problemi di vista.

Portata alcuni anni dopo da uno specialista, la diagnosi è stata da brividi: retinite pigmentosa, una rara condizione genetica che causa una perdita o un calo della vista nel corso degli anni. Trattandosi di una malattia genetica, anche agli altri due figli Colin e Laurent gli è stata diagnosticata la stessa malattia. L’unico al momento indenne è l’altro figlio della coppia, Leo. 

I medici furono chiari con loro: non c’è nulla che si possa fare per arrestare il decorso della malattia che li porterà man mano a vedere sempre meno fino a diventare ciechi quando avranno circa 50 anni. La coppia da quel momento ha concentrato tutti i loro sforzi a cercare di far sviluppare ai figli le competenze di cui avevano bisogno nella vita.

Quando il medico di famiglia ha consigliato loro di far riempire i loro figli di ricordi visivi che resteranno impressi nella mente nel momento in cui diventeranno ciechi, la coppia ha preso una decisione: non mostrargli ricordi in fotografia, ma dal vivo.

Il giro del mondo è iniziato a marzo 2022 dalla Namibia

Giro del mondo

Hanno iniziato così a programmare un lungo giro del mondo alla scoperte delle bellezze della terra per riempire i loro figli dei maggiori ricordi visivi possibili. Inizialmente la partenza era fissata per luglio 2020, ma a causa della pandemia ha subito un rallentamento. A marzo 2022 hanno lasciato la loro Montreal per recarsi in Namibia a fare lunghi savari per vedere elefanti, giraffe e zebre. Dalla Namibia la famiglia si è recata in Tanzania e poi volo verso la Turchia dove sono stati un mese. E ancora Mongolia e Indonesia.

“Stiamo davvero cercando di far loro vedere cose che non avrebbero visto a casa e di farli vivere le esperienze più incredibili” – hanno rivelato i genitori. Gestire la situazione non è facile per loro anche perché i bambini iniziano a capire a cosa andranno incontro.

“Il mio piccolo mi ha chiesto: ‘Mamma, cosa significa essere ciechi? Guiderò una macchina?’ Ha cinque anni. Ma lentamente, sta capendo cosa sta succedendo. E’ una conversazione normale per lui. Ma per me è straziante“ – ha ammesso Lemay.

Il padre invece è speranzoso che la scienza possa trovare una cura alla malattia: “Speriamo che la scienza trovi una soluzione. Incrociamo le dita per questo. Ma sappiamo che potrebbe accadere, quindi vogliamo assicurarci che i nostri ragazzi siano attrezzati per affrontare queste sfide” – le sue parole.

Le avventure in giro per il mondo della famiglia canadese non sono finite e si possono seguire sui social dove quotidianamente pubblicano foto e racconti di viaggio.

Seguici anche su Google News!

Related Articles

Perde la moglie nello tsunami, da 11 anni si immerge per ritrovarne il corpo

Perde la moglie nello tsunami. Il terribile tsunami che colpì la città...

Morto per 90 minuti, uomo svela la sua esperienza nell’aldilà

Morto per 90 minuti. Il mondo è pieno di tantissime testimonianze di...

La madre di Nadia Toffa: “Mia figlia mi parla, ricevo dei messaggi dall’aldilà”

La madre di Nadia Toffa sente ancora fortemente vicina sua figlia, scomparsa...