mercoledì , 7 Dicembre 2022
Home Speciale Natale Storia di una candela che non voleva bruciare
Speciale Natale

Storia di una candela che non voleva bruciare

Storia di una candela che non voleva bruciare

La storia di una candela che non voleva bruciare è scritta da Bruno Ferrero. Un racconto natalizio che possiamo fare leggere ai nostri bambini a Natale. Perché c’è sempre una candela che non smetterà mai di bruciare dentro di noi.

Un ricordo, un significato, una parola. La nostra vita è piena di avvenimenti ed eventi che non dimenticheremo mai. Una storia triste, sì, ma che ci dona il sorriso e che ci insegna a vivere la Magia del Natale con occhi diversi, come un tempo.

Questo non si era mai visto: una candela che rifiuta di accendersi. Tutte le candele dell’armadio inorridirono. Una candela che non voleva accendersi era una cosa inaudita!

Mancavano pochi giorni a Natale e tutte le candele erano eccitate all’idea di essere protagoniste della festa, con la luce, il profumo, la bellezza che irradiavano e comunicavano a tutti.

Eccetto quella giovane candela rossa e dorata che ripeteva ostinatamente: “No e poi no! Io non voglio bruciare. Quando veniamo accesi, in un attimo ci consumiamo. Io voglio rimanere così come sono: elegante, bella e soprattutto intera”.

“Se non bruci è come se fosse già morta senza essere vissuta”, replicò un grosso cero, che aveva già visto due Natali.

“Tu sei fatta di cera e stoppino ma questo è niente. Quando bruci sei veramente tu e sei completamente felice”. “No, grazie tante”, rispose la candela rossa. “Ammetto che il buio, il freddo e la solitudine sono orribili, ma è sempre meglio che soffrire per una fiamma che brucia”.

Storia di una candela

“La vita non è fatta di parole e non si può capire con le parole, bisogna passarci dentro”, continuò il cero. “Solo chi impegna il proprio essere cambia il mondo e allo stesso tempo cambia se stesso. Se lasci che la solitudine, buio e freddo avanzino, avvolgeranno il mondo”.

“Vuoi dire che noi serviamo a combattere il freddo, le tenebre e la solitudine?”.
“Certo”, ribadì il cero. “Ci consumiamo e perdiamo eleganza e colori, ma diventiamo utili e stimati. Siamo i cavalieri della luce”.

“Ma ci consumiamo e perdiamo forma e colore”.
“Sì, ma siamo più forti della notte e del gelo del mondo”, concluse il cero.

Così anche la candela rossa e dorata si lasciò accendere. Brillò nella notte con tutto il suo cuore e trasformo in luce la sua bellezza, come se dovesse sconfiggere da sola tutto il freddo e il buio del mondo.

La cera e lo stoppino si consumarono piano piano ma la luce della candela continuò a splendere a lungo negli occhi e nel cuore degli uomini per i quali era bruciata.

Bruno Ferrero 

Related Articles

Cenone di Natale per vegetariani: tutte le idee sfiziose

I vegetariani aumentano sempre di più ed è normale che, tra gli...

Tavola di Natale: come decorarla, tante idee per un magico Natale

Ovviamente la tavola di Natale è tra gli aspetti fondamentali quando si...

Come costruire una casa di pan di zenzero per Natale, passo per passo, ecco la ricetta

Il pan di zenzero è un simbolo delle festività natalizie ormai non...

Come scegliere le luci di Natale, tutto quello che c’è da sapere

Le luci di Natale non possono mancare in una casa opportunamente decorata...